Albania e Macedonia. Un viaggio da sogno per molti mototuristi.
Albania e Macedonia
Albania e Macedonia

Viaggiare in moto è espressione di una filosofia di vita. I bikers si distinguono da tutti gli altri viaggiatori. Quando si parte in moto il primo desiderio è quello di percorrere tanti chilometri in moto. Ci piace sentire l’accelerazione, la gravità nelle curve e il brivido ad ogni imprevisto.

La méta ha una importanza relativa; si tornerà a casa. Quando la propria casa è la vera méta finale quello che conta davvero è solo il viaggio.

Si cercano itinerari con buona strada, tante curve, paesaggi mozzafiato, tanta natura, verde, mare, montagne; si spera di trovare cibo buono e tanta gente simpatica da incontrare e si parte con il cuore colmo di aspettative.

Viaggiare da soli o in compagnia

Viaggiare soli o in gruppo? Si tratta di due modi di viaggiare molto lontani tra loro. Negli ultimi due anni ho viaggiato tantissimo in moto in lungo e in largo per i Balcani; ho percorso migliaia di chilometri in totale solitudine apprezzando i momenti di introspezione e l’adrenalina. Lungo la strada ho incontrato tanti sconosciuti ed alcuni di loro adesso sono miei amici. Il ricordo della “prima volta” su una strada sconosciuta e semi-deserta è di quelli che appartengono per sempre alla memoria di un biker che ama la moto e tutto quello che rappresenta.

Io amo la solitudine e credo che viaggiare da soli offra un’opportunità unica, specie se il viaggio ha delle componenti avventurose.

Ma, da sempre, chi va in moto è un animale sociale a cui piace ridere, giocare, mangiare bene e “legare”.

Non a caso i “bikers” sono gli unici che si salutano incrociandosi per strada e di certo se ti fermi in moto a fare benzina dove ci sono altre moto quando riparti hai in rubrica almeno tanti amici quante erano le moto.

Viaggiare in gruppo è estremamente diverso ma altrettanto piacevole. Anzi, l’amicizia e la condivisione riescono a dare al viaggio un senso diverso e a far vivere esperienze in cui l’amicizia si rafforza e ritrova il suo vero significato.

Il Viaggio con i “Free Bikers”

Il mio ultimo viaggio però non è stato “in solitaria” e con me c’era una fantastica compagnia. Avevamo un bel programma ed un viaggio meraviglioso ci aspettava: Da Durazzo a Saranda e poi a Girocastro, a Korce e fino a Pogradec per poi arrivare alla Macedonia, al Lago di Orhid e a Tirana.

Come sempre al loro arrivo a Durazzo ci abbiamo messo un pò a rompere il ghiaccio ma sin dalla prima sosta (a Valona) i miei 18 nuovi amici avevano imparato il mio nome ed io iniziavo ad associare i loro alle loro moto. Un gruppo stupendo quello del “Motoclub Free Bikers” di Tricase che mi ha seguito senza mai dubitare anche quando il terreno si faceva difficile e la méta sembrava non arrivare mai.

Le persone speciali non si aggregano mai per caso.

La prima volta che conobbi il Presidente del Motoclub eravamo a Valbona ed il nostro incontro fu sfuggente e casuale. Ma ai veri “Bikers” basta poco per riconoscersi e sin da allora questo viaggio era in programma anche se non scritto.

Fabrizio è un vero leader ed è riuscito a mettere insieme un vero gruppo di amici perfettamente assortito. Tutti bravi, tutti liberi (Free Bikers) ma ognuno rispettoso del suo ruolo, dei compagni di viaggio e dello spirito dei veri bikers.  Viaggiare con loro è stato un piacere.

Albania e Macedonia
L’itinerario

Il viaggio era davvero bello. Un sogno per molti mototuristi. Alcune tappe davvero lunghe ed impegnative ma la bellezza dei luoghi che abbiamo attraversato, il fascino dell’avventura e i tanti chilometri in moto hanno restituito a tutti (zavorrine comprese) le energie per proseguire. Il primo giorno da Durazzo a Saranda lungo la SH8.

Albania e Macedonia

Palase. Llogara Pass

 

Albania e Macedonia

Secondo giorno, il più impegnativo: Da Saranda a Pogradec passando per Korca e attraverso uno dei percorsi più impegnativi a causa del fondo stradale: non asfaltato e nemmeno sterrato che io ho definito “asfalto molto rovinato”. Un vero incubo per il motociclista che deve continuamente adattarsi alla strada.

Albania e Macedonia

Albania e Macedonia

Albania e Macedonia

[vc_raw_html]JTNDaWZyYW1lJTIwd2lkdGglM0QlMjIxMjgwJTIyJTIwaGVpZ2h0JTNEJTIyNzIwJTIyJTIwc3JjJTNEJTIyaHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cueW91dHViZS5jb20lMkZlbWJlZCUyRkN5NTcybFdJaC1vJTIyJTIwZnJhbWVib3JkZXIlM0QlMjIwJTIyJTIwYWxsb3dmdWxsc2NyZWVuJTNFJTNDJTJGaWZyYW1lJTNF[/vc_raw_html][/vc_column][/vc_row]

Albania e Macedonia

Albania e Macedonia

Albania e Macedonia

Albania e Macedonia

Il terzo giorno siamo arrivati in Macedonia, costeggiato il lago di Ohrid e visitato il Parco Nazionale di Galicia.

Albania e Macedonia

Albania e Macedonia

Albania e Macedonia

Albania e Macedonia

Al quarto giorno siamo rientrati a Tirana. Poi è venuto il momento dei saluti e, ancora una volta, sono rimasto solo. Una breve pausa fino al prossimo incontro e di certo per sempre in contatto con tutti i miei nuovi amici.

No responses yet

Lascia un commento

Categorie
LATEST TWEET
MY PINBOARD